Guida agli episodi Prologo Atto 1 Atto 2 Atto 3 Atto 4

Produzione #V805 - Episodio 5

My Brother's Keeper

(XENA E IL VILLAGGIO ASSEDIATO)


SCRITTO DA
Melissa Good


DIRETTO DA
Denise Byrd


PRODOTTO DA
C
arol Stephens


TRADUZIONE ITALIANA
Mayfair

SCREENGRABS
Judi Mair


ARTWORK
Lùcia


TITOLI GRAFICI
MaryD


ASSISTENZA TECNICA ITALIANA
Harry


 

PROLOGO

 

APERTURA SU:

 

EST. ACCAMPAMENTO - PRATO SOLEGGIATO - SERA PRESTO

 

È quasi il tramonto. L'accampamento di Xena e Gabrielle è allestito sotto un albero. Argo si sta abbeverando ad un ruscello che scorre vicino.

 

Xena e Gabrielle sono in piedi sul prato, si stanno lanciando il chakram l'un l'altra in un gioco di presa al volo bizzarro, potenzialmente letale, e sicuramente pericoloso per l'incolumità delle loro dita.

 

XENA

Non dovremmo incontrare
alcun villaggio per un po'.

 

 

Gabrielle afferra il chakram e lo rilancia.

 

GABRIELLE

Va bene. Non mi dispiace
la mia attuale compagnia.

 

Xena agguanta il chakram e lo fa mulinare intorno al dito prima di rimandarglielo.

 

XENA

Potremmo prendere la strada principale
che attraversa le montagne. Mi sembra di
ricordare un paio di buoni punti di osservazione lassù.

 

Gabrielle riprende il chakram al volo e lo scaglia da dietro la schiena.

 

GABRIELLE

Significa che potremo fermarci e
sentire il profumo dei fiori ed osservare
qualche bel paesaggio?

 

 

XENA

(sorridendo)

Qualcosa del genere, sì.

 

Il tramonto si estende ora da una parte all'altra del prato. Xena afferra il chakram e lo fa ruotare, tenendolo in equilibrio sulla punta del dito.

 

GABRIELLE

Suona bene come programma.

 

Gabrielle s'incammina verso Xena. Xena rimette il chakram alla cintura, ed entrambe si dirigono verso il falò. Gabrielle si ferma per prendere la sua borsa, e portarla con sé.

 

XENA

Ma non ne avevi due
di quelle borse?

 

Gabrielle si siede ed apre la borsa, ne tira fuori una pergamena e la posa da una parte.

 

GABRIELLE

Sì, le avevo. Ma poi... ehm.. ne
ho lasciata una nella tomba
sotto il Tempio di Marte.

 

Xena è sorpresa. Si siede accanto a Gabrielle e le porge un boccale.

 

XENA

Mi dispiace. So quanto ci
hai lavorato duramente.

 

Gabrielle estrae una penna d'oca e l'appuntisce, poi l'intinge in una piccola boccetta d'argilla piena d'inchiostro.

 

GABRIELLE

Non è tanto grave. Erano solo alcune
delle nostre storie più vecchie.

 

Xena prende un sorso della sua bevanda.

 

GABRIELLE

(proseguendo)

E tutte quelle intime.

 

 

Xena sputa il sorso nel fuoco, che scoppietta e si ravviva. Si volta e guarda Gabrielle.

 

XENA

Quelle int... Vuoi dire quelle
riguardanti te e me e...

 

Gabrielle annuisce, con uno scintillìo negli occhi.

 

GABRIELLE

Ho pensato che gli poteva
servire qualcosa da leggere.

 

Xena poggia la sua tazza per terra e si copre il volto con le mani. Un momento dopo, le sue spalle iniziano a scuotersi.

 

XENA

(ridendo)

Gabrielle.

 

GABRIELLE

La vendetta è un piatto che si serve decisamente freddo.

 

Xena scuote la sua testa, ridendo ancora.

 

XENA

Be', almeno non dovrò
preoccuparmi che vengano lette
sulle scalinate dell'Ateneo.

 

Gabrielle fa una risatina, e inizia a scrivere sulla sua pergamena. Xena, il mento appoggiato sul pugno, osserva il tramonto. Il suo buonumore si è attenuato e sembra un po' pensierosa. Gabrielle se ne accorge.

 

GABRIELLE

Ci stai ripensando?

 

 

XENA

A Marte, dici?

 

GABRIELLE

Sì.

 

Xena medita sulla domanda per un breve momento.

 

XENA

No.. è solo che ci sono così poche persone
ora che facevano parte della mia vita di prima.
Per malvagio che fosse, lui era una di quelle.

 

 

Gabrielle annuisce, comprendendola. Ripone la penna e la pergamena e prende la mano di Xena, mentre osservano le stelle comparire in cielo.

 

DISSOLVENZA.

 

FINE DEL PROLOGO

 

 

ATTO 1