Guida agli episodi Prologo Atto 1 Atto 2 Atto 3 Atto 4

ATTO 1

 

APERTURA SU:

 

EST. BOSCO - POCO DOPO

 

Xena è visibilmente sconvolta. Sta esaminando delle tracce lasciate dagli aggressori.

 

XENA

Devono averci pedinate per giorni.
Come ho fatto a non accorgermene?

 

 

Gabrielle le si avvicina.

 

GABRIELLE

Abbiamo viaggiato a lungo e duramente, Xena.
Non saprei, forse sono stati semplicemente
fortunati a trovarci, o forse...

 

XENA

O forse mi hanno soltanto colta di sorpresa
ed io mi sto un po' rammollendo.

 

Gabrielle appare lievemente indecisa su come rispondere a questo.

 

GABRIELLE

Andiamo. Solo perché ci hanno
sorprese non vuol dire che...

 

 

Xena si alza in piedi, camminando in su e in giù. Flette le mani e si sfrega il collo.

 

XENA

Ho scorto tanti piccoli segnali di recente. E adesso
si stanno sommando tra loro. Buffo, sapevo che
un giorno sarebbe successo, ma non credevo che
sarei vissuta tanto da dovermene preoccupare.

 

Gabrielle è impensierita.

 

GABRIELLE

Ma stai dicendo sul serio? Forse mi sono persa qualcosa,
ma a me sembra che tu stia benissimo, Xena.

 

 

Xena prende la sacca del chackram e l'esamina.

 

XENA

Forse qualcuno voleva mandarmi un
messaggio. Sottraendomi il simbolo più
riconoscibile di chi sono. Di quello che sono.

 

Gabrielle le prende la sacca dalle mani e la ripiega, rimettendola fra le sue cose.

 

GABRIELLE

O forse qualcuno ci ha visto solo un'arma
di grande valore da poter rivendere.

 

XENA

Sì, può darsi. Se è così, lo
scopriremo presto.

 

Xena e Gabrielle continuano a mettere via la loro roba, ma Xena è molto pensierosa.

 

 

STACCO SU:

 

INT. CASA DI LEUCA - POTIDEA

 

A casa di Leuca, dolci e vino vengono offerti a Janos.

 

JANOS

Siamo tutti dalla stessa parte qui. Ascolta,
so che devi essere molto preoccupata per
tua sorella, Leuca. Non ti piacerebbe
riaverla a casa salva?

 

LEUCA

Certo - ma uccidere Xena?
Perché vorresti farlo?

 

JANOS

Perché? Leuca, tu cosa sai realmente
di Xena? Del suo passato?

 

LEUCA

Beh... so che è stata un signore della guerra,
ma era molto tempo fa...

 

JANOS

Migliaia di persone hanno perso le loro case,
le loro famiglie... fratelli, sorelle... bambini, a causa
sua. Le è stato permesso di andarsene libera, non
per il bene che fa, ma perché sono tutti troppo
spaventati da lei per poter reagire.

 

Leuca sembra turbata.

 

JANOS

(proseguendo)

Sua figlia era nota come il Flagello di Roma. Ha
venduto come schiavi migliaia di nostri concittadini.

 

Selina sembra pensierosa.

 

LEUCA

Ma è anche andata con Xena e Gabrielle
a riprendere Selina, salvandola da una vita
di schiavitù. La gente può cambiare, Janos.

 

JANOS

Per propria convenienza, certo. Ma a che
prezzo? Guarda cosa sta facendo a tua
sorella, sottoposta ad una vita di fughe,
di pericoli. Non ti importa di lei?

 

LEUCA

Naturale che mi importa di Gabrielle. Io amo
mia sorella. Sono terribilmente preoccupata
per lei, e so che ha passato momenti orribili...

 

JANOS

Per colpa di Xena. Lei non sarà mai libera
finché Xena non morirà. Tu sai che è vero.

 

 

Selina e Leuca non rispondono.

 

JANOS

Gabrielle ha bisogno di te. Ha bisogno del tuo aiuto,
o presto di lei non resterà più niente, se non
un guscio vuoto. Guardate - ho già battuto
Xena. Le ho preso il suo chakram.

 

Janos mostra loro il chakram, e tutti sussultano sorpresi.

 

JANOS

(proseguendo)

Ma adesso sarà più cauta -
ecco perché ho bisogno di voi.

 

I tre restano silenziosi.

 

JANOS

(proseguendo)

Pensate a Gabrielle.

 

STACCO SU:

 

EST. VILLAGGIO DI POTIDEA - GIORNO

 

Xena e Gabrielle entrano a Potidea. Selina, suo marito, e Leuca sono tutti a riceverle - ci sono festoni colorati ovunque, tutto ha una atmosfera accogliente e amichevole - esattamente come all'epoca del ritorno di Xena quando Speranza aveva preso il posto di Gabrielle.

 

 

LEUCA

Gabrielle! Bentornata a casa.

(pausa)

Salve, Xena. E' bello rivederti.

 

Leuca e Gabrielle si abbracciano. Tutti si affollano intorno alle due donne, apparentemente felici di vederle, prima di scortarle all'interno della casa.

 

STACCO SU:

 

INT. CASA DI LEUCA - POTIDEA - POCO DOPO

 

Leuca, Selina ed il marito, Xena e Gabrielle siedono intorno al grande tavolo, coperto di piatti e boccali pieni. Gabrielle prende una cucchiaiata di qualcosa e lo mette nel piatto di Xena.

 

XENA

Ehi!

 

GABRIELLE

Rilassati, ti piacerà. Vedrai.

 

Xena assaggia la pietanza, che si rivela una delle sue preferite.

 

XENA

E' proprio come quello che fai tu.

 

 

LEUCA

E' una ricetta di famiglia - ce l'ha insegnata
nostra madre. Lei conservava gelosamente
il segreto - e io l'ho passata a Selina.

 

SELINA

Ed io la tramanderò ai miei figli, quando
saranno abbastanza cresciuti. Tu cucini, Xena?

 

Xena e Gabrielle scoppiano a ridere.

 

GABRIELLE

No, Xena si occupa della caccia, alla cucina penso io,
anche se l'altro giorno abbiamo provato a scambiarci i ruoli.
Io ho finito per essere inseguita da un cinghiale e
Xena ha dovuto buttare il nostro miglior tegame.

 

 

Tutti ridono.

 

SELINA

Ehi, Xena - stavo raccontando a Stefan
del tuo chakram. Puoi farglielo vedere?

 

Xena e Gabrielle si scambiano un'occhiata.

 

XENA

L'ho portato dal fabbro per dei
ritocchi. Magari la prossima volta.

 

LEUCA

Qualcuno vuole altro vino?

 

STACCO SU:

 

EST. FALO' ALL'APERTO - POTIDEA - NOTTE

 

Gabrielle siede davanti al fuoco, stringendo una coppa tra le mani e fissando le fiamme. Leuca la raggiunge. Xena è seduta un po più in là, ad osservare. Stefan finisce di suonare il sitar, poi si alza e rientra in casa.

 

LEUCA

Ehi. Volevo solo dirti quanto
sono felice che tu sia venuta.

 

GABRIELLE

Ti ringrazio. E' bello rivedervi tutti.
Anch'io sono felice di essere qui.

 

LEUCA

Va tutto bene? Sembri un
po' giù... stanca... non so.

 

GABRIELLE

Rivedervi tutti qui... non lo so, Leuca.
E' dura per me. Mi sento così...

 

 

LEUCA

Fuori posto?

 

GABRIELLE

Più o meno. E' come se non
avessi legami con niente... o nessuno.
A parte Xena, naturalmente. Quasi tutti quelli
che conoscevo sono morti, tranne tu e Selina.

 

Leuca passa un braccio intorno a Gabrielle.

 

LEUCA

Gabrielle, tu sai che sarai sempre una
parte di noi. Noi ti amiamo, e questa sarà
sempre casa tua. Potrai tornare qui quando
vorrai. Sento molto la tua mancanza.

 

GABRIELLE

Davvero? E' bello sentirtelo dire, Leuca. Anche
tu mi manchi. Avrei voluto solo sapere a cosa
andavo incontro. Mi sento così smarrita. Mi vedo
fare queste cose orribili... con totale indifferenza.

 

LEUCA

E' difficile per me credere che tu possa restare
indifferente. Forse hai solo bisogno di riposo.
Perché non rimani per qualche tempo?

 

GABRIELLE

Grazie. Forse lo farò.

 

Leuca l'abbraccia, poi si alza e torna verso la casa. Gabrielle si volta a guardare Xena, che la sta osservando a sua volta, e si alza in piedi, andando a sederlesi accanto e appoggiandosi a lei mentre entrambe fissano il fuoco.

 

 

GABRIELLE

(proseguendo)

A cosa stai pensando?

 

XENA

A mia madre.

 

GABRIELLE

Abbiamo perso tutte e due così tanto, vero?

 

Xena annuisce soltanto, i loro sguardi fissi sul fuoco.

 

STACCO SU:

 

INT. CASA DI LEUCA - POTIDEA - MATTINO PRESTO

 

Xena è sveglia, e guarda pensosamente fuori dalla finestra. Leuca entra, fissa per un attimo Xena, poi va verso di lei.

 

LEUCA

Ti sei svegliata presto.

 

XENA

Abitudine.

 

LEUCA

Anche dopo tutti questi anni? Ma dopotutto,
li porti molto bene per una di,
quanto, ottant'anni ormai?

 

Entrambe ridono, ma la risata di Xena non è di divertimento.

 

XENA

Un'abitudine che tua sorella
non ha mai preso. Dorme ancora.

 

LEUCA

Credo che abbia bisogno di riposo.
Sono in pensiero per lei, Xena.
Sembra così smarrita.

 

Xena sembra a disagio.

 

XENA

Sta benissimo.

 

 

LEUCA

Hai pensato a cosa sarà di lei quando
non ci sarai più tu a combattere
al suo fianco? A difenderla?
Nessuno vive in eterno, Xena.

 

Xena adesso non è per niente divertita.

 

XENA

Gabrielle sa badare a se stessa.

 

LEUCA

Davvero? A me non ha dato questa impressione.
Lei non è come te. Lei non può vivere in questa
costante violenza... questo continuo uccidere, Xena.
La sta distruggendo. Non te ne accorgi?

 

Consapevole della verità in quelle parole, Xena non risponde. Gabrielle entra dietro di loro, chiaramente appena destata.

 

GABRIELLE

'Giorno.

 

XENA

Potevi dormire ancora.

 

GABRIELLE

Lo so. Ma qualcosa mi ha svegliata.
Ehi, hai ancora quel tè alle more
che faceva sempre la mamma?

 

 

Leuca guarda Xena, ma sorride a Gabrielle.

 

LEUCA

Certo che sì. Siediti,
te ne porto un po'.

 

Leuca esce. Xena e Gabrielle si guardano con espressioni serie.

 

 

STACCO SU:

 

INT. RIFUGIO NELLA CAVERNA - MATTINO

 

La banda di Janos è radunata intorno al capo, che stringe in pugno dei fili di paglia. Gli uomini indossano abiti adatti a celarsi nella vegetazione. Sono in maggioranza molto giovani, impazienti e devoti alla loro causa.

 

JANOS

So che la persona che prenderà la paglia corta svolgerà
al meglio il suo compito, ed otterrà la stima di tutti noi.

 

Janos tende la mano. Ognuno estrae un filo, e quello corto tocca ad uno dei giovani.

 

GIOVANE

Sono pronto. Janos, porterai
il mio addio alla mia ragazza?

 

JANOS

Certo.

 

GIOVANE

Voi amici potrete dividervi le mie cose.
Non c'è rimasto più molto comunque, dopo
che Livia ha bruciato la nostra città. Anche
meno di quando sua madre fece lo stesso
con i miei nonni una generazione fa.

 

JANOS

Ora finirà, e tu avrai parte in tutto questo.
E' molto coraggioso quello stai facendo.

 

Janos si rivolge a tutti gli altri.

 

JANOS

(proseguendo)

Il momento è arrivato. Pensate alle vostre
famiglie, e a tutti quelli che hanno sofferto
tanto a lungo sotto il piede spietato di Xena.
Siate coraggiosi, fratelli miei.

 

Tutti esultano, bramosi di battaglia.

 

DISSOLVENZA.

 

FINE DELL'ATTO 1

 

 

ATTO 2